La foresta nel mare 2019

La foresta nel mare

Sono una sognatrice. Mi immagino di piantare non “UN”, ma “IL” Albero della vita per ogni persona che invece l’ha persa nel nostro Mar Mediterraneo. Mi immagino di piantarlo proprio là, dove il barcone è affondato. Una foresta onirica!!

Non servirebbero più le barche per scappare dai campi di concentramento della Libia, basterebbe passare leggeri da una pianta all’altra.

Gli alberi di questo ultimo ciclo, incisi con energia, quasi con rabbia per far uscire la luminosità argentea dell’alluminio come fosse il riflesso del mare in una bella giornata di sole, rappresentano quel documento scritto a ricordo di tutte quelle migliaia di anime che aleggiano nelle nostre acque. Alberi che diventano casa, protezione, famiglia…dignità.

Nel retro di ogni quadro, su di una targhetta, c’è scritto il nome di chi, nostro fratello, idealmente abita per l’eternità in quella nuova casa.